EmotivaMente: Percorsi di Sostegno alle Emozioni e all’Autostima per bambini e adolescenti.

Sostegno alle Emozioni e all'Autostima - CENTRO PSICOLOGICO AMAMENTE

L’ Intelligenza Emotiva (P. Salovey e J.D. Mayer) è il linguaggio delle emozioni, cioè la capacità di riconoscere i nostri sentimenti e quelli degli altri, di motivare noi stessi e di gestire positivamente le emozioni negative e positive interiormente e nelle relazioni sociali. L’intelligenza Emotiva è una abilità che si rivela fondamentale nella promozione del benessere e nella prevenzione del disagio psicologico nell’infanzia, nell’adolescenza e nell’età adulta.

Figli emotivamente allenati ottengono migliori risultati a scuola, stanno meglio in salute e stabiliscono relazioni più positive con i coetanei. Hanno anche minori problemi di comportamento, e riescono a recuperare più rapidamente dopo esperienze negative. L’intelligenza emotiva acquisita permette di essere più preparati ad affrontare le sfide che li attendono nella vita (John Gottman e Joan Declaire).

Presso il Centro Amamente è possibile seguire percorsi individuali e di gruppo sull’autostima, l’ascolto, le emozioni per bambini e ragazzi dai 4 ai 18 anni

 

OBIETTIVI DEI PERCORSI:

Conoscere le proprie emozioni (capacità di riconoscere i propri sentimenti nel momento in cui si presentano)
Controllare le proprie emozioni (capacità di reagire alle emozioni con autocontrollo, per far si che le nostre reazioni siano appropriate alla situazione)
Motivare se stessi  (capacità di indirizzare le nostre emozioni al raggiungimento dei nostri obiettivi)
Riconoscere le emozioni degli altri (capacità di comprendere le emozioni dell’altro, di cogliere i suoi stati d’animo)
Gestire le relazioni (capacità di relazionarsi in maniera positiva con gli altri, gestendo al meglio ed in maniera costruttiva i possibili conflitti)

 

EmotivaMente: Laboratorio Creativo di Gruppo sull’Autostima e l’Intelligenza Emotiva.

EmotivaMente è un percorso di gruppo che coinvolge i bambini nella scoperta, attraverso attività mirate, il gioco creativo e teatrale, delle proprie abilità relazionali ed emotive.

I bambini, in piccoli gruppi (min 4, max 6 elementi) verranno introdotti in un percorso di scoperta di sé, dell’altro e del mondo attraverso le Emozioni.

Cos’è l’Autostima?

L’autostima è l’opinione che abbiamo di noi stessi. Il concetto di autostima deriva dal significato di stimare ovvero misurare il nostro valore. Una buona autostima rende la vita più semplice nel senso che chi crede in se stesso affronta le piccole grandi sfide quotidiane con maggior serenità, fiducia e coraggio tutti elementi che contribuiscono a determinare successo in quello che sono i nostri obiettivi.

Cos’é l’Intelligenza Emotiva? A cosa Serve?

L’Intelligenza Emotiva (P. Salovey e J.D. Mayer) è il linguaggio delle emozioni, cioè la capacità di riconoscere i nostri sentimenti e quelli degli altri, di motivare noi stessi, e di gestire positivamente le nostre emozioni, tanto interiormente, quanto nelle relazioni sociali. L’intelligenza Emotiva è una abilità appresa e trasmissibile, che si rivela fondamentale nella promozione del benessere e nella prevenzione del disagio psicologico nell’infanzia, nell’adolescenza e nell’età adulta.

Le neuroscienze ci assicurano che se cercheremo di aumentare l’autoconsapevolezza, di controllare più efficacemente i nostri sentimenti, di conservare il nostro ottimismo, di essere perseveranti nonostante le frustrazioni, di aumentare le nostre capacità di essere empatici e di curarci degli altri, di cooperare e di stabilire legami sociali – in altre parole, se presteremo attenzione in modo più sistematico all’intelligenza emotiva – potremo sperare in un futuro più sereno.

Perché mio figlio dovrebbe partecipare?

E’ dimostrato che Figli emotivamente allenati sviluppano una migliore autostima, ottengono migliori risultati a scuola, stanno meglio in salute e stabiliscono relazioni più positive con i coetanei. Riescono a gestire meglio le proprie risposte emotive e comportamentali, e riescono a recuperare più rapidamente dopo esperienze negative. In generale sviluppano maggiore consapevolezza e ascolto di Se stessi e degli altri. L’intelligenza emotiva acquisita permette di essere più preparati ad affrontare le sfide che li attendono nella vita (John Gottman e Joan Declaire).

Come si svolgono gli incontri?

I bambini, in piccoli gruppi (min 4, max 7 elementi) verranno introdotti in un divertente percorso di scoperta di sé, dell’altro e del mondo. Esploreremo inizialmente il funzionamento della comunicazione come possibilità di relazione ed espressione, quindi le caratteristiche e l’utilità dell’ascolto e dell’attenzione. A seguire affronteremo l’Ascolto del mondo esterno (suoni, rumori, versi, voci, musica) e del mondo interno (desideri, bisogni, emozioni, pensieri). Passeremo poi a definire le differenze e le somiglianze che ci rendono individui unici e irripetibili attraverso l’espressione artistica e musicale.

Per promuovere la maturazione dell’io e favorire il benessere psichico, sociale e morale, i bambini verranno poi avviati alla consapevolezza dei propri sentimenti (gioia, dolore, stupore, eccitazione….) e alla gestione-controllo di quelli negativi (rabbia, gelosia, ansia….), attraverso conversazioni, esercizi psicomotori, ascolto di testi, musiche, visione di video, conversazioni guidate, esercizi teatrali e giochi di relazione.
La relazione con i coetanei, la condivisione, la collaborazione ed il confronto daranno a ciascun bambino la possibilità di comprendere, esternare e controllare sentimenti ed emozioni, ed esprimersi liberamente.

Chi può frequentare?

Il percorso è rivolto a Bambini e bambine dai 4 ai 10 anni e particolarmente indicato a bambini con lievi difficoltà emotive, comportamentali o di apprendimento. Nel percorso saranno coinvolti anche i genitori con incontri di gruppo sulla genitorialità-

Quali sono le finalità?

Riconoscere e rispettare le emozioni proprie e quelle altrui
• Promuovere il benessere psicologico e relazionale nei vari contesti sociali
• Prevenire gli episodi di bullismo e le altre forme di disagio psicologico e scolastico.

Che obiettivi si possono raggiungere?

Conoscere le proprie emozioni (capacità di riconoscere i propri sentimenti nel momento in cui si presentano)
• Controllare le proprie emozioni (capacità di reagire alle emozioni con autocontrollo, per far si che le nostre reazioni siano appropriate alla situazione)
• Motivare se stessi (capacità di indirizzare le nostre emozioni al raggiungimento dei nostri obiettivi)
• Riconoscere le emozioni degli altri (capacità di comprendere le emozioni dell’altro, di cogliere i suoi stati d’animo)
• Gestire le relazioni (capacità di relazionarsi in maniera positiva con gli altri, gestendo al meglio ed in maniera costruttiva i possibili conflitti)
• Sviluppare Ascolto e attenzione
• Autoregolare il proprio comportamento

Quali attività si faranno?
Conversazioni guidate, gioco psicomotorio, gioco teatrale, disegno e arte, racconti e fiabe, giochi di relazione, verbalizzazione individuale, circle time, rielaborazione grafico/pittorica, problem solving, drammatizzazione.

Da chi è condotto?

– Anna La Guzza (responsabile e supervisione) : psicologa clinica specializzata in psicologia infantile, potenziamento delle difficoltà di apprendimento e delle difficoltà emotive-espressive

– Cinzia Bregonzi (conduttrice incontri bambini) : teatroterapista specializzata in gestione emotiva nei gruppi

– Susanna Costa (conduttrice dei gruppi sulla genitorialità): psicoterapeuta

Lascia un commento